L'India vara dazi biennali su celle e moduli fotovoltaici

Il Ministero indiano del Commercio e dell'Industria ha pubblicato le attese proposte per i dazi all'importazione sulle celle e moduli solari. Alle importazioni da Cina e Malesia, ma anche da tutti gli altri paesi industrializzati, per un periodo di due anni saranno applicate tariffe del 25 per cento per il primo anno e del 15 per cento per il secondo anno.
Secondo l‘agenzia «Bridge to India», questa decisione sarebbe sorprendente, perchè due anni è un periodo troppo breve per dare impulso allo sviluppo delle capacità di produzione locali. Inoltre, i dazi si applicheranno anche ai prodotti fabbricati nelle zone economiche speciali (ZES) dell'India. Negli ultimi anni, in particolare, le aziende straniere del settore solare vi hanno localizzato notevoli capacità. Bridge to India stima che le fabbriche nel resto del paese non possano coprire nemmeno il cinque per cento della domanda interna. Il ministero prevede tuttavia che le importazioni provenienti dalle ZES possano essere esentate dai dazi in virtù di un permesso speciale.
© PHOTON

Notizie collegate all’argomento