1366 e Hanwha raggiungono un’efficienza del 20,3 per cento su cella «direct wafering»

Il produttore di wafer statunitense 1366 Technologies Inc. e la coreana Hanwha Q Cells Co., Ltd. hanno comunicato di avere raggiunto un’efficienza del 20,3 per cento su una cella prodotta con il procedimento di «direct wafering» di 1366. Il risultato è stato confermato dai laboratori Fraunhofer ISE. Per Frank van Mierlo, direttore dell’azienda, non è lontano il raggiungimento di quota 21 per cento, finora raggiunta sola da wafer monocristallini. A gennaio 1366 aveva raggiunto un’efficienza del 19,9 per cento. © PHOTON

Notizie collegate all’argomento